Il Vocabolario: dalla A di Aedes alla Z di Zanzara

Di seguito diversi termici tecnici in riferimento all’ABC delle zanzare. Questo glossario ha lo scopo di sottolineare la necessità di azioni preventive che prevedono trattamenti larvicidi. Inoltre, soprattutto in questi ultimi anni con l’aumento delle malattie trasmesse dalle zanzare, non bisognerebbe sottovalutare l’eventuale minaccia che quesi insetti possono causare all’uomo e ai nostri amici animali.

Aedes Albopictus: termine latino che definisce la Zanzara Tigre

Adulticida: trattamento o prodotto insetticida efficace nell’uccidere gli insetti adulti.

Agente patogeno: organismo che causa una malattia a un altro organismo. I patogeni umani comprendono virus, batteri, protozoi, elminti e funghi.

Azione residua: durata dell’effetto insetticida dopo il trattamento. In base al tipo insetticida e al luogo in cui è stato eseguito il trattamento può andare da poche ore a diversi mesi.

Batteri: organismi unicellulari privi di nucleo che si trovano dovunque in natura.

DEET: N,N-dietilmetatoluammide, il più comune principio attivo dei repellenti contro gli insetti.

Dose letale 50 (o LD50): è il quantitativo di una sostanza, di solito espressa come milligrammi per chilo di peso corporeo (mg/kg), che uccide il 50% degli individui di un campione testato. La LD50 è ampiamente usata come misura effettiva della tossicità di una sostanza. Più bassa è la LD50 di una sostanza più è alta la sua tossicità.

filaria_sandokanElminti: nome scientifico che comprende tutti i tipi di vermi parassiti. Tipici elminti trasmessi dalle zanzare sono le filarie responsabili della filariosi canina, che colpisce sia i cani sia i gatti domestici: il proliferare di zanzare infatti non è solo un problema per l’uomo.

Ematofaghe: sono le femmine di zanzara, che succhiano il sangue agli altri esseri viventi per avviare il processo di maturazione delle uova.

Focolaio larvale: luogo idoneo allo sviluppo delle larve. Nel caso della zanzara qualsiasi contenitore in cui l’acqua ristagna per più di 7 giorni consecutivi è un potenziale focolaio larvale.

Infezione: invasione di un organismo da parte di un patogeno. Alcune, ma non tutte, conducono a una malattia.

Inibitore della crescita: sostanza naturale o di sintesi chimica che altera il processo di crescita di un insetto causandone la morte.

larve di zanzara_SandokanLarva: stadio giovanile degli insetti. Nel caso delle zanzare, le larve si sviluppano in acqua e solo dopo un processo di metamorfosi danno vita all’esemplare adulto.

Larvicida: prodotto che uccide le larve degli insetti. Nel caso delle zanzare deve essere messo in acqua, dato che il loro ciclo vita si svolge interamente sott’acqua.

Metamorfosi: processo di sviluppo degli insetti durante il quale avviene la trasformazione dalla forma giovanile a quella adulta.

Muta: Stadio della metamorfosi in cui gli insetti cambiano i tegumenti esterni e aumentano di dimensioni.

Parassita: Qualsiasi organismo che vive all’interno di un altro organismo, detto ospite, senza portare alcun beneficio a quest’ultimo. Generalmente è riferito a patogeni come protozoi o elminti.

Patogeno: vedi Agente patogeno.

Persistenza: vedi Azione residua.

Piretro: miscela di molecole estratte dalla pianta Chrysanthemum cinerariaefolium dotata di una forte azione insetticida.

Piretroidi: classe di molecole di sintesi chimica ad azione insetticida derivate dalle modificazioni delle molecole del piretro naturale per migliorarne le prestazioni.

Plasmodium_SandokanPlasmodium: il genere di protozoi parassiti che causano la malaria. Le quattro specie che infettano l’uomo sono: Plasmodium falciparum, Plasmodium vivax, Plasmodium ovale e Plasmodium malariae.

 

Potere abbattente: riferito agli insetticidi definisce la capacità di uccidere velocemente gli insetti.

Principio attivo: è il composto chimico responsabile dell’azione del prodotto. Nel caso degli insetticidi, è l’ingrediente fondamentale che svolge la vera e propria azione tossica sugli insetti.

Profilassi antimalarica: utilizzo di farmaci specifici che prevengono la malaria.

Protozoi: organismi costituiti da una singola cellula capace di assolvere tutte le funzioni metaboliche e riproduttive. Gli agenti patogeni che causano la malaria sono protozoi.

dalla pupa alla zanzaraPupa: negli insetti a metamorfosi completa (zanzare, mosche, coccinelle, api, farfalle, ecc) è lo stadio intermedio tra quello larvale e quello adulto. Nel caso delle zanzare le pupe sono acquatiche.

 

Tossicità: capacità di alcune sostanze di determinare effetti nocivi sugli organismi.

Vaccino: preparato che stimola una risposta immunitaria e previene l’infezione da parte di un patogeno.

Vettore: organismo che trasmette un agente patogeno da un ospite all’altro, come nel caso della zanzara che trasmette tramite la sua puntura la malaria da un ospite malato a uno non infetto.

Virus: microrganismo privo di metabolismo proprio che necessita d’infettare una cellula ospite per replicarsi. Febbre Gialla e Dengue e molte altre patologie trasmesse dalle zanzare sono causate da virus.

Zanzara: insetti fastidiosi che prelevano il sangue dagli altri esseri viventi per avviare il loro ciclo vitale; nel frattempo rilasciano una sostanza che da prurito e irritazione.

rimedi contro le zanzare sandokan

Scopri con il nostro e-book gratuito come eliminare il problema della zanzare alla fonte, con un corretto intervento larvicida, attuabile da marzo a novembre. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *