Roland Garros 2016 – 70 anni dalla rinascita

Oggi si sono tenute le finali del torneo di tennis Roland Garros. Facciamo un applauso a tutti i vincitori che hanno raggiunto questo traguardo. Oltre ai campioni del torneo in questa edizione si festeggia anche la ricorrenza dei 70 anni della rinascita del Roland Garros e dello spirito Francese. 

ROLAND GARROS 1946: IL TORNEO DELLA RINASCITA

Quest’anno l’Open di Francia celebra i 70 anni della ripresa dei giochi. Infatti, storicamente il torneo fu istituito nel 1891, ma fu sospeso durante il periodo della I e poi quello della II guerra mondiale.

Al termine del secondo conflitto, dopo 6 anni di bombe e distruzione, con la fine della guerra e con la liberazione, riprese anche il torneo di tennis. Non fu facile organizzare quell’edizione, che rimase in dubbio fino all’ultimo: mancavano i giocatori, alcuni morti, altri invecchiati o denutriti; il cibo e i vestiti erano scarsi. Il morale dei francesi era basso; si sentivano un popolo distrutto e finito, senza fiducia nel loro paese.

Marcel Bernard e racchetta legnoMa, la fortuna volle che quell’anno fosse un francese a vincere. Marcel Bernard salì sul podio e con lui la Francia intera. Fu un momento importante per la storia della nazione che risorgeva dalle ceneri della guerra grazie al Roland Garros, torneo diventato simbolo del paese.

 

 

LA RACCHETTA PER BATTERE L’AVVERSARIO

Sandokan con la stessa determinazione del vincitore francese, disputa la sua partita contro le zanzare e punto dopo punto, battuta dopo battuta schiaccia le zanzare 6 a 0 con la sua  Rachetta Elettronica.

racchetta sandokanSi tratta di una gamma di dispositivi abbattenti che generano scariche elettriche allo scopo di eliminare gli insetti fastidiosi, come zanzare, mosche, tafani, vespe, calabroni, pappataci e ragni. Racchetta Sandokan sicura per i bambini ed efficiente, leggera ed ecologica.

Affronta la partita con la giusta attrezzatura, batti le zanzare al loro stesso gioco e vinci sugli avversari grazie alla Racchetta Sandokan!

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *