31 maggio 2016: Giornata Mondiale Senza Tabacco

Nel 1988 l’Organizzazione Mondiale per la Sanità istituì la Giornata Mondiale Senza Tabacco. Questa giornata è volta a porre l’accento sulla diffusione del tabagismo a livello internazionale, a sottolinearne gli effetti negativi e a mobilitare l’opinione pubblica.

A livello mondiale, il tabacco uccide 6 milioni di persone ogni anno. In Italia in un anno muoiono circa 83 mila persone per cause legate al fumo. La dipendenza provoca 30 diverse malattie, tra cui tumore, cancro, infarto, ictus, bronchiti croniche e altri disturbi dell’apparato respiratorio e non solo.

LA LOTTA AL FUMO NELLE SCUOLE

In Italia, nel 2015, è stato stimato ci fossero 10,9 milioni di fumatori, che corrispondono al 20,8% della popolazione, di cui 4,6 milioni di donne e 6,3 milioni di uomini. Sfortunatamente, il 72,7% dei fumatori risulta essere tra i 15 e i 20 anni; mentre il 12.9% ha iniziato prima dei 15 anni. Infatti, ciò che preoccupa maggiormente, sottolinea l’Aiom, Associazione Italiana di Oncologia Medica, è l’allarme fumo tra gli alunni delle scuole medie e superiori.

Come afferma il Rapporto 2016 dell’Osservatorio Fumo, Alcol e Droga dell’Istituto Superiore di Sanità, la ragione principale per cui i bambini iniziano a fumare è l’influenza degli amici e la voglia di emularli. Questo fenomeno, che si è fatto più persistente negli ultimi anni, ha indotto l’associazione a promuovere campagne dedicate agli adolescenti dagli 11 ai 14 anni. Il focus delle campagne anti-fumo nelle scuole parte dal concetto di peer education, educazione tra pari. Gli adolescenti partecipano a lezioni e ad attività mirate a sensibilizzarli sulla pericolosità e sulle conseguenze del fumo, mentre vanno promossi stili di vita sani. Queste informazioni, una volta assimilate, sono veicolate da coloro che visti come trainanti del gruppo, portano gli altri alunni ad evitare il primo approccio alla sigaretta.

lega italiana contro i tumoriLa LILT, Lega Italiana Lotto contro i Tumori, attiva nell’educare contro la dipendenza dal fumo e nell’informare sui danni da esso provocati, durante la Giornata Mondiale Senza Tabacco sarà presente su tutto il territorio nazionale con un’altra iniziativa: ”Liltbertà! Non mandare in fumo la tua libertà” con cui l’associazione offre informazioni e assistenza a tutti coloro che cercano aiuto per smettere di fumare.

 

L’UNIONE EUROPEA E LA LOTTA AL FUMO

Per quanto riguarda l’Unione Europea, giusto qualche giorno fa, in previsione della Giornata Mondiale Senza Tabacco, sono entrati in vigore i nuovi ordinamenti che definiscono la lavorazione, la presentazione e la vendita dei prodotti del tabacco, quali sigarette, tabacco da arrotolare e tabacco per pipa ad acqua. Nello specifico, le norme previste sono le seguenti:

  • L’inserimento delle “avvertenze combinate” sulla salute su tutte le confezioni di prodotti del tabacco: testi, foto a colori e telefono verde contro il fumo.
  • Divieto dell’utilizzo di additivi che aumentino l’attrattività e la nocività dei prodotti da tabacco (caffeina, vitamine, coloranti delle emissioni, additivi che facilitano l’inalazione o l’assorbimento della nicotina e che abbiano proprietà cancerogene, mutageniche o tossiche).
  • Eliminare dal mercato i pacchetti da 10 sigarette e le confezioni di tabacco da arrotolare inferiori a 30 grammi.
  • Interdizione dell’uso di elementi promozionali o fuorvianti sulle etichette

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *